Università di Pordenone

La VDI nell’istruzione. Il progetto Università di Pordenone

universita-pordenone1Infonet Solutions e Citrix Italia portano nel mondo del Cloud Computing l’Università di Pordenone.
Con un lavoro in partnership hanno implementato un progetto di Virtualizzazione del Desktop  per ottimizzare le infrastrutture informatiche dell’ateneo attraverso l’utilizzo di Citrix XenDesktop e XenApp.

Il Consorzio Universitario di Pordenone eroga corsi ad elevato contenuto informatico che richiedono un utilizzo di numerosi laboratori dotati di diversi tipi di software: il consistente numero di postazioni (più di 150 con laboratori in cui sono attivi fino 30 computer), con configurazioni hardware e software completamente diverse tra loro, rende l’infrastruttura IT dell’ateneo molto complessa e con una gestione onerosa. Inoltre, la presenza nella stessa macchina di software simili ma di produttori diversi generava conflitti e instabilità del sistema, con conseguenti lunghe e complesse reinstallazioni dei programmi.

La necessità del Consorzio Universitario di Pordenone era quindi di adottare una soluzione, per la propria infrastruttura IT, più agile, sicura e che richiedesse minori interventi di manutenzione e costi più contenuti.

Dopo un’attenta valutazione, la scelta è stata di affidarsi a Citrix e all’esperienza di Infonet Solutions, scelto come partner tecnologico, per l’implementazione di un progetto di VDI. Il primo passo è stato, nel 2012, la realizzazione di un laboratorio informatico completamente virtuale, tramite l’utilizzo di Citrix XenDesktop e XenApp. Il Consorzio ha registrato da subito una considerevole diminuzione del carico di lavoro per la gestione e manutenzione delle macchine e con il progetto pilota è già stato calcolato un risparmio del 60% di ore di manutenzione e del 15% sui costi.

L’obiettivo è quello di arrivare nel tempo a virtualizzare tutte le 150 postazioni informatiche presenti nei laboratori dell’ateneo.

 

> Leggi la case history del progetto
> Leggi l’articolo pubblicato su Technopolis